Vanità delle vanità, tutto è vanità


Ecclesiaste

1 Parole di Qoèlet, figlio di Davide, re di Gerusalemme.

2 Vanità delle vanità, dice Qoèlet, vanità delle vanità, tutto è vanità.

3 Quale utilità ricava l’uomo da tutto l’affanno per cui fatica sotto il sole?

4 Una generazione va, una generazione viene ma la terra resta sempre la stessa.

5 Il sole sorge e il sole tramonta, si affretta verso il luogo da dove risorgerà.

6 Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana;

gira e rigira e sopra i suoi giri il vento ritorna.

7 Tutti i fiumi vanno al mare, eppure il mare non è mai pieno: raggiunta la loro mèta, i fiumi riprendono la loro marcia.

8 Tutte le cose sono in travaglio e nessuno potrebbe spiegarne il motivo. 

Non si sazia l’occhio di guardare né mai l’orecchio è sazio di udire.

9 Ciò che è stato sarà e ciò che si è fatto si rifarà;

non c’è niente di nuovo sotto il sole.

10 C’è forse qualcosa di cui si possa dire: «Guarda, questa è una novità»?

Proprio questa è già stata nei secoli che ci hanno preceduto.

11 Non resta più ricordo degli antichi, ma neppure di coloro che saranno si conserverà memoria presso coloro che verranno in seguito.

12 Io, Qoèlet, sono stato re d’Israele in Gerusalemme. 13 Mi sono proposto di ricercare e investigare con saggezza tutto ciò che si fa sotto il cielo. 

È questa un’occupazione penosa che Dio ha imposto agli uomini, perché in essa fatichino. 

14 Ho visto tutte le cose che si fanno sotto il sole ed ecco tutto è vanità e un inseguire il vento.

15 Ciò che è storto non si può raddrizzare e quel che manca non si può contare.

16 Pensavo e dicevo fra me: «Ecco, io ho avuto una sapienza superiore e più vasta di quella che ebbero quanti regnarono prima di me in Gerusalemme. La mia mente ha curato molto la sapienza e la scienza». 

17 Ho deciso allora di conoscere la sapienza e la scienza, come anche la stoltezza e la follia, e ho compreso che anche questo è un inseguire il vento. 

18 perché molta sapienza, molto affanno; chi accresce il sapere, aumenta il dolore.

Informazioni su Giuseppe Cocco Borzone de Signorio Sabelli

Nato a Roma nel 1957, m° Fotografo Documentarista Geografico dal 1977, Artista digitale online, narro con le mie Visoni Artistiche, Viaggi nell'Italia minore con la M maiuscola, grande giardino emozionale diffuso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: